Ricerca personalizzata

martedì 26 marzo 2013

Il bello del Custom?


Il bello del custom in alcune istantanee prese dal magnifico blog Old Springer...

POST MODIFICATO DA UN AMMINISTRATORE DEL BLOG :(

venerdì 22 marzo 2013

Wide Glide 2013 pregi e difetti


Visto che non c'è due senza tre, rieccomi a rompere le pelotas all'Harley Davidson per una prova a sorpresa: di solito i test ride si fanno nel weekend, in gruppo, con un leader ed una "scopa" ultimo della fila. Di venerdi al contrario, si lasciano le proprie generalità e si zompa in sella, in solitaria, senza seguire il percorso ma andandosene a spasso dove si vuole ("Basta che la riporti intera"). Visto che lo Street Bob proprio non c'è tra le moto da poter provare, sono salito in sella alla Dyna Wide Glide 2013. A giudicare da quello che si legge in giro sul web, ha milioni di difetti ed è, nè più nè meno, la brutta copia del mitico chopper che ha fatto la storia del marchio di Milwaukee. In effetti era li a prendere polvere e non la cagava guardava nessuno, così ho chiesto di provare proprio lei. Volete sapere come è andata? Beh, leggete qui sotto.


DA FERMO - è grande, lunga, bassa ed affascinante: con una striminzita ruota anteriore da 21 pollici a raggi, nera (e dall'aspetto un pò povero), cui fa da contraltare una 180 panciuta e perfettamente integrata col retrotreno. Carino l'accenno di sissy-bar, anche se non ne vedo l'utilità. Bello il motore, barocco nei materiali ma contornato da cavi ovunque: praticamente, a parte il manubrio nel quale passano all'interno per sbucare sotto al faro, si nota attorno al bicilindrico una quantità inusitata di cavi e cavetti anche mal ricoperti. Orrendi a vedersi gironzolando attorno alla moto, restano parzialmente nascosti mentre si è in sella, anche se quelli sulla parte anteriore del manubrio si notano sempre durante la guida :(
Una cosa che non avevo notato sono le pedane del passeggero: sulla Street Bob sono optional, qui invece sono fissate al forcellone posteriore. Non sarebbe stato meglio fissarle al telaio? Anche perchè già il trapuntino è minimale così come il sissy... Della serie: "Facciamoci voler bene dalla nostra ragazza".
Gli specchietti, tanto per cambiare, sono un pò troppo bassi ma si riesce lo stesso ad intravedere qualcosa li dietro.
La chiave è elettronica, quindi una bella girata alla manopola sul serbatoio (che ha il tappo carburante senza chiave a destra ed un finto tappo con l'indicatore analogico a sinistra... viva l'America) ed il nuovo Twin Cam 103 non bilanciato ma montato su supporti elastici inizia a muovere la moto con le sue "good vibrations"... E qui inizia il godimento! Tolgo il cavalletto, anzi no: dove cavolo sta?!? Uff, bisogna cercarlo bene!


IN MOVIMENTO - Le pedane avanzate sembrano cucite sulle mie misure, il cambio è esattamente dove me lo aspetto, il freno posteriore è tanto duro quanto inutile come da tradizione Harley Davidson. La frizione al contrario è morbida, non stacca subito e mi da confidenza fin dai primi metri. Le marce entrano meglio rispetto alla Softail Slim provata soli alcuni giorni addietro, il motore da 1.690 cc sembra comunicare che... bisogna cambiare marcia! Il range di utilizzo è davvero ristretto, i supporti elastici lo fanno ballare nel telaio come un cavallo imbizzarrito, l'intera moto è pervasa dalle vibrazioni ed io, sopra, godo ad ogni regime. Il giro del quartiere prevede, causa sciopero dei mezzi a Roma, alcuni tratti di traffico fermo: la moto non pesa e, a dispetto della forcella inclinatissima alla cui estremità fa capolino il pneumatico largo 80mm, sterza meglio del previsto.
Passando davanti alle vetrine riesco a specchiarmi e quello che vedo mi piace davvero: il serbatoio con le fiamme è davvero scenografico, peccato per qualche cromatura sostituita dall'anonima verniciatura nera. Agli scarichi si fa l'occhio, di sicuro non l'orecchio: sono tappati in un modo assurdo, perfino la mia Shadow romba di più a qualunque regime.
Altra nota negativa? La Wide Glide provata aveva meno di 300 km sulle spalle e solo qualche mese di inutilizzo, eppure già sulle pedane e nella parte interna degli scarichi si poteva intravedere qualche accenno di ruggine. Iniziamo bene! Il ghigno durante la guida viene placato solo dalle normative Euro3, per il resto direi che si porta molto molto bene e l'esposizione all'aria consiglia di andarci piano con la manopola destra. Riprendo la strada del concessionario e, con la lacrima e labbruccio tremulo, lascio la Wide Glide a prender polvere: un vero peccato!


LA PAGELLA - queste le mie impressioni dopo la prova su strada della FXDWG Dyna Wide Glide 2013

Motore: 8/10, scarso il range di utilizzo, vibra, scalda, chiede sempre la marcia superiore ma è dannatamente libidinoso!
Scarichi: 3/10, il 2 in 1 in 2 è troppo tappato. Da rivedere le cromature.
Freni: 7/10, duri e da strizzare, hanno l'Abs!
Sospensioni: 7/10, le buche si sentono ma non più di tanto
Capacità di carico: 2/10, non si può mettere nemmeno un portapacchi. Meglio un borsone singolo a sinistra!
Comodità ed ergonomia: 10/10, perfetta per il guidatore sotto ogni punto di vista
Comodità in coppia: 2/10, comprate un'Harley Davidson anche alla zavorrina sennò si lamenterà di sicuro
Illuminazione: 7/10, niente di particolare da segnalare
Estetica: 8/10, belle le fiamme, bello lo stile chopper, ma a quanto pare non piace ai customisti... e la versione USA con targa laterale e frecce+stop è ancora più bella
Qualità: 7/10, i cavi sono troppo in vista e le cromature scarseggiano, l'insieme sembra un pò "povero"
Prezzo: 5/10, non sono un pò troppi 17.000 euro?!?


CONCLUSIONI - sui forum avevo letto talmente tante cattiverie sulla nuova Wide Glide che pensavo davvero di ritrovarmi tra le mani una delle peggiori Harley che siano mai state prodotte. Invece... non volevo più scendere! E' fantastica da guidare, vibra talmente tanto che è un piacere persino farsi i semafori rossi. Buona anche come raggio di sterzata, vuole essere portata a spasso ma non chiedetele di frenare! Peccato per i troppi cavi e per qualche punto di ruggine... dopo 300 km? Sono pazzi questi americani!!! In conclusione, nonostante i gravi difetti la adoro!


PS: nella foto qui sopra la vecchia versione della FXDWG, senza Abs nè cavi passanti all'interno del manubrio. Si può trovare, con tanto di scarichi modificati, filtro aria e centralina (il cosiddetto "stage"), a circa 11-12.000 euro con pochi km... ci si potrebbe fare un pensiero se solo non si rischiasse l'arresto ad ogni pattuglia che incrociamo ;)

lunedì 18 marzo 2013

Sondaggio Moto Custom

Oggi ho deliberatamente deciso di chiudere il primo sondaggio di questo blog: dal 4 ottobre 2011 ha potuto contare sulla partecipazione di ben 477 visitatori più o meno occasionali, che al quesito "la moto più spettacolare e quella che vorrei nel mio garage" ha espresso le seguenti preferenze, ordinate per numero di voti e raggruppate per modelli simili.

MODELLOVOTIPERC
Honda VT 750 Shadow o Black Spirit3811%
Chopper, Bobber o Ratbike tutta custom3210%
Harley Davidson 883 o 1200 309%
Triumph Bonneville288%
Harley Davidson Sportster FortyEight288%
Harley Davidson VRod/NightRod268%
Kawasaki VN247%
Harley Davidson Rocker-C237%
Yamaha V-Star206%
Honda VT 1300 CX Fury206%
Harley Davidson Street Glide185%
Kawasaki W800175%
Triumph Rocket III154%
Ducati Diavel154%
Yamaha VMax144%
Headbanger Hollister/Foxy Lady/High Flyin144%
Yamaha R1/R6113%
Ducati Monster S2R/S4R113%
Harley Davidson XR 1200103%
Ducati 1199 Panigale103%
Yamaha MT-0192%
Triumph Thunderbird 160092%
Suzuki Intruder 92%
MV Agusta F3/F482%
Leonart Bobber/Daytona82%
Honda CBR 1000RR Fireblade o 600RR72%
Victory Hammer/Vegas/Jackpot61%
Honda GoldWing61%
Honda Valkyrie Rune41%
Ducati 848/1098/119841%
Aprilia RSV430%

Ovviamente il risultato è pesantemente influenzato dai gusti dei visitatori, dirottati da Google tra queste pagine alla ricerca di:
  1. Moto Custom
  2. Harley Davidson (Americane, Custom)
  3. Hot Rod (Usati, In Vendita)
  4. Honda Black Spirit (Phantom, Bobber)
  5. Smart Tuning (451, Brabus)
  6. Harley Davidson 48 (FortyEight)
  7. Auto Bassi Consumi (Classifica)
  8. Triumph Rocket 3 (III)
  9. Boss Hoss (V8)
  10. Maggiolino Hot Rod
  11. Abnormal Cycles a Fiuggi
  12. Lancia Delta Integrale
  13. Leonart Bobber
  14. Lancia Ypsilon Tuning
  15. Honda CB 1100 Prezzo
  16. Motodays Ingresso Ridotto (2012,2013)
  17. Bici Custom
  18. Pontiac Fiero
  19. Ragazze Custom
  20. Maserati Quattroporte
  21. Ducati Panigale
  22. Generale Lee (Usato)
  23. Caschi Moto Aerografati

sabato 16 marzo 2013

Harley Davidson Softail Slim pregi e difetti


Pubblicizzato come una full-immersion nel mondo del mito americano a due ruote, lo Spring Break 2013 è iniziato oggi e proseguirà per 10 giorni in tutte le concessionarie Harley Davidson d'Italia: potevo evitare di andare a provare una custom? Certo che si, ma me ne sono ben guardato... così vi racconto come è andato il demo ride in sella alla FLS Softail Slim 2013.


DA FERMO - se nel mio garage non ci fosse stata la piccola bobber made in Honda, di sicuro avrei fatto più di un pensiero alla Softail che sembra catapultata direttamente dagli anni '50 fino ai giorni nostri. La qualità è notevole: tutto suona piacevolmente di metallo, i cavi non sono a vista, le cromature ci sono anche se non ovunque ed in sella si sta comodi con l'evocativo manubrio Hollywood e le pedane correttamente distanziate per chi è sopra il metro e ottanta. Una girata timorosa alla manopola posta al centro del serbatoio appena sotto il tachimetro ed il possente bicilindrico 103-B da 1.670 cc dotato di controalberi di bilanciamento per eliminare le vibrazioni si avvia ed inizia a borbottare in modo fin troppo educato, mentre il calore si fa subito sentire nonostante faccia freddo. La manopola dell'acceleratore ha troppo gioco, e non riuscirò mai ad abituarmi ai comandi delle frecce separati. Però il telaio senza sospensione posteriore a vista è proprio bello nonostante il retrotreno non proporzionato all'avantreno, non vedo l'ora di vedere come se la cava tra le strade di Roma.


IN MOVIMENTO - premesso che non amo nè le pedane a mezzaluna nè tantomeno il cambio col bilanciere, trovo gli innesti davvero lenti e soprattutto rumorosi: la prima entra con un sonoro "clunk" che lo sentono fino a Milwaukee! La sella è scivolosa, ma talmente in armonia con lo stile della moto che è un difetto che posso sopportare. La frizione stacca subito ma è poco modulabile e la moto, forse per colpa dei soli 200 km percorsi e per un rodaggio mai fatto, sembra sofferente ai bassi regimi. A orecchio, direi di farla stare sopra i 2000 giri/min: un vero peccato, vista la cubatura che sfiora gli 1,7 litri. Tant'è che in una delle tante ripartenze mi si spegne inesorabilmente lasciandomi letteralmente di stucco. Il ghigno ebete che mi aveva accompagnato all'accensione sparisce in un baleno, sembra più difficile del previsto entrare in sintonia col 103-B che tira come un trattore ma non è elastico nè comunicativo come mi aspettavo, il tutto complicato da una manopola destra piuttosto ballerina. In compenso, la ciclistica reagisce molto bene agli slalom tra le buche ed in curva scende veloce in piega... pedane permettendo. Il peso in ordine di marcia si aggira sui 320 kg, non pochi ma gestibili tranquillamente da chiunque sia salito almeno una volta su una custom. Il giro dell'isolato è troppo breve, circa 8-10 minuti che passano in fretta senza avere il tempo di godersi il mezzo. Gli specchietti, molto vicini alle mani, sono poco funzionali mentre i freni dotati di Abs sono messi li quasi per bellezza, ma tanto li uso pochissimo in città figuriamoci andando a spasso. Nessun problema a rimettere il cavalletto, piuttosto il folle è stranamente difficile da trovare e nel traffico può costituire un problema.


LA PAGELLA - queste le mie personalissime impressioni dopo la prova su strada della Softail Slim.

Motore: 5/10, m'ha lasciato l'amaro in bocca: ok le non-vibrazioni, ma ai bassi regimi non deve spegnersi nemmeno per sbaglio!
Scarichi: 5/10, fin troppo silenziosi, ottime le cromature
Freni: 9/10, fanno il loro dovere ma non se ne parla di fermare la moto azionando la leva con un dito come faccio io di solito, meglio usarne almeno due: e poi c'è l'Abs che ti salva la vita!
Sospensioni: 8/10, fanno il loro lavoro meglio di come ci si aspetterebbe
Capacità di carico: 2/10, non aspettatevi nulla da un bobber
Comodità ed ergonomia: 8/10, da segnalare solo la sella scivolosa
Comodità in coppia: 1/10, il passeggero resta a piedi senza ombra di dubbio
Illuminazione: 7/10, niente di particolare da segnalare
Estetica: 7/10, se era la più richiesta allo spring break un motivo c'è... è bellissima, nonostante la ridicola ruota posteriore
Qualità: 9/10, nulla da eccepire
Prezzo: 4/10, è uno scherzo???



CONCLUSIONI - prima di salirci a bordo, pensavo che finalmente la Harley Davidson avesse tirato fuori la moto dei miei sogni: linea vintage ed essenziale da bobber, tanto metallo e poche cromature, motore grosso e parafanghi tagliati al minimo sindacale... ma, dopo un breve giro in sella, mi sono dovuto ricredere. L'imputato principale è lo scarso feeling col gruppo motore+cambio, forse dovuto ai pochi km del mezzo ed accentuato da un problema sulla manetta destra. E poi 19.500 euro per il modello "base" spogliato di qualsivoglia accessorio ed orpello, nonostante la qualità percepita sia eccellente, sono letteralmente un'indecenza!

venerdì 15 marzo 2013

Vespa e Airbags

POST MODIFICATO DA UN AMMINISTRATORE DEL BLOG :(

Riprendendo il post del grande Chef Pirata, ecco qua una micidiale Vespa con gnocca stratosferica a bordo: si tratta della modella Jordan Carver nel photobook "La Dolce Vita"... Davvero un gran bel vedere ;)

mercoledì 13 marzo 2013

Pistone Teschio



Pistoni a forma di teschio... anche se inutilizzabili, sono troppo belli per non condividerli bwuhauhauha!!!

lunedì 11 marzo 2013

Street Bob Special Edition FXDBA


A parte la discutibile colorazione Big Blue Pearl/Vivid Black, con tanto di cerchioni d'acciaio verniciato rosso, la FXDB Special Edition in edizione limitata presenta rispetto alla Street Bob standard l'ABS di serie (ghghgh) ed il motore Twin Cam 103, ossia il 1.690 cc che di solito equipaggia le softail. Il tutto bello ed infiocchettato a partire da 15.000 euro. La cosa che mi lascia molto da pensare è che fooorse, presumibilmente nei prossimi anni, tutte le Dyna monteranno il motore 1.690 invece del 1.584 attuale... La Harley sta dismettendo il Twin Cam 96? E perchè comprare ora una Street Bob FXDB e non aspettare i nuovi modelli più pompati? Boooh!

I Blog di Moto, Custom e Ragazze più belli in assoluto...